Paese che vai, tassa che trovi

La tassazione sulla sigaretta elettronica in Italia è ancora al centro di diversi ricorsi e svariate sentenze dei Tribunali. A Novembre la Corte costituzionale dovrebbe pronunciarsi sulla tassazione partorita da più di un anno e al momento congelata.

All’inizio dell’anno in Europa era stata proposta una norma per tassare la sigaretta elettronica a livello comunitario, con una tassa uguale per tutti i Paesi.

Di fatto non esiste nessuna norma e ogni paese agisce come crede. Eccone alcuni esempi:

Finlandia: 3 euro ogni 10 ml di liquido con o senza nicotina.
Grecia: dal 1 luglio Iva aumentata di un punto percentuale.
Ungheria: 2 euro ogni 10 ml a partire da gennaio 2017.
Lettonia: La tassazione massima che si può raggoiungere per flacone è di 1,10 euro ogni 10 ml.
Portogallo: Sei euro per 10 ml.
Romania: 1,1 euro ogni 10 ml.
Slovenia: 1,80 euro ogni 10 ml. Soltanto per i liquidi con nicotina.

In Italia l’ipotesi avanzata dovrebbe essere di 0,01 euro ogni milligrammo per millilitro; per esempio su 10 ml. di liquido a 9 di nicotina tassato di 90 centesimi; 10 ml. di liquido a 18 tassato di 1,80 euro; liquido senza nicotina non tassato.

Staremo a vedere, sperando in una proposta equa e definitiva!

ZeroS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *